#173(Buon Natale)

Natale è luci fredde e intermittenti? Natale è frenesia nei grandi centri commerciali? Natale è canti tradizionali meglio se cantate in lingua straniera? Natale è uvetta e canditi affondati in una morbida pasta del panettone? Natale è abiti rossi, barbe bianche e cappelli luccicanti? Natale è film di buoni sentimenti o spazzatura volgare e maschilista? Natale è riempirsi di cibo fino a stare male?

Natale è questo?
No.  Natale è un abbraccio al cioccolato arrivato da lontano. È una fotografia stampata con un messaggio profetico. È ricevere auguri inaspettati. È il profumo del ragù.  È non aspettare Natale per sentire il Natale.

Buon Natale a tutti.

Dona

#172 (mazzetta)

Donna straniera su autobus con regolare abbonamento.
Sale controllore italiano.
Donna straniera non si accorge che obliteratrice non valida il passaggio del suo abbonamento.
Controllore italiano vuole multare donna straniera.
Donna straniera si oppone e chiede di andare immediatamente alla sede dell’azienza dei traporti con il controllore italiano per protestare.
Controllore italiano fa scendere donna straniera alla prima fermata e la segue.
Donna straniera piange e quindi controllore italiano la rassicura immediatamente:” stai tranquilla, non ti do la multa. Se mi dai cinque euro per il caffè siamo a posto dai…”
Donna straniera dà i cinque euro e controllore italiano torna al suo lavoro.

Si sa che gli stranieri cercano sempre di viaggiare AGgratis.

(Raccontato fattomi da collega di nazionalità non italiana)

#171 (bullismo)

Credo sia preciso dovere di ogni adulto proteggere chi non è in condizione di potersi difendere.  Credo sia preciso dovere di ogni genitore intervenire per arginare fenomeni di bullismo. Credo che stare a guardare mentre un ragazzetto di dodici o tredici anni prende a calci, ginocchiate e scappellotti un suo coetaneo che non si difende renda colpevoli di complicità.  Credo che dire a voce alta la parola BULLISMO senza paura,svilendo chi il bullismo lo pratica sia l’inizio della fine.  Credo che poi sia ridicolo mostrarsi adulti compiaciuti della reazione di chi si è opposto.  Invece di far passeggiare il cane, fingendo indifferenza, si sarebbe potuto intervenire.

#170 (guerra e pace)

Non amo le guerre e chi le fa o le provoca.  Non amo chi abusa della mia disponibilità.  Non amo chi si ciba di rabbia e vendette.  Non amo chi aspetta mi giri per parlare di me e nemmeno chi si zittisce all’improvviso quando entro in una stanza. Non amo la guerra e non la farò.  A casa mi aspettano persone che amo alla follia e che sono il bene di cui mi nutro per vincere la guerra senza combatterla.