#24 (Antidoti)

Qual è il senso di una vita se alle esperienze che essa ci propone, dalle sfide che ci lancia, noi si resta indifferenti? Senso alcuno avrebbe, vivere lasciandoci trasportare inermi in un viaggio di cui essere spettatori paganti invece che attori.
È che essere attori richiede una dose di grande coraggio e non è detto che questo sia di facile reperibilità. Il coraggio di scegliere, il coraggio di dire basta, il coraggio di guardare dentro se stessi; questo ultimo forse il più difficile da trovare. Quando lo si fa si possono trovare piccole e meravigliose cattedrali… costruite a fianco di cataste di rifiuti. Le mie sono costituite per lo più da immagini lontane e sensazioni vicine. Contro le immagini lontane devo aspettare che sbiadiscano, per quelle vicine posso solo allontanarle e costruirvi intorno muri alti di protezione. Chi volesse oltrepassarle dovrebbe fare grandi sforzi. Questo sarebbe l’unico antidoto contro le sensazioni negative accatastate.

Annunci

One thought on “#24 (Antidoti)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...